decimo anniversario

Non sono sorpresa del fatto che Suocera non ci abbia fatto gli auguri per il nostro decimo anniversario di matrimonio (no, nemmeno a Marito): successe la stessa cosa per il quinto.

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Quando due donne intelligenti si incontrano

Vi riporto un post che ho trovato qui; lo riporto per intero, anche se è in inglese, perché mi ha davvero commossa, e mi domando perché a troppe di noi non capita di avere una suocera così. Forse il presupposto perché suocera e nuora possano avere un rapporto sereno è che siano entrambe persone intelligenti.

I have the best MIL a woman could ask for.  I have known her through my DH since I was in my teens (I’m in my 50s now).

My DH and I have been together for over 30 years, and there is only one time that can I remember my MIL ever getting mad at me.  We were living in their house while we were building our house.  I played in a lady’s softball league.  Our first born was about 7 months old.  DS had not been feeling well, and I had to change his sheets 3 times, and do a lot of washing.  I was running late for my game, and left my laundry in DS’s room, not folded and no sheets on the crib.  My sweet MIL never said a word to me about it.  But, I knew she was a little angry about this, because she was a bit cold to me when I got home.  Normally, she would have made the crib up and folded his clothes.  But, since I was playing a sport, and out of the house 3 times that week, I guess she thought it was inappropriate that I didn’t do it.  Just for the record, I was at the new house with DS staining all the interior doors, and was running late getting back to the IL’s house.

I felt that I owed her an apology.  She said to me something I’ll never forget.  “DIL, we all need a break once in a while to enjoy something that we love.  But, we have to prioritize between our duties, responsibilities and leisure time.  You’re a great mom, and I’m glad that you love my son so much.”  PERIOD!  I know I haven’t always lived up to her words, but she never brought up any other faults of mine.

I will very likely be a MIL within the next 3 years.  This very same DS has been with his sweetie since they were in their mid-teens in high school.  I pray that I can be a consummate lady like my MIL, and love my children’s spouses as she loved all her children’s spouses.  I am going to share what I consider to be the do’s and dont’s of being a MIL.

DO: Compliment your DIL.  If DIL invites you over to dinner and the pasta is mushy, the sauce is salty, and the salad is wilted (happened with me, LOL) look at the care that she put into setting the table so pretty.  Notice that she made a boatload of appetizers that would take a football team to finish.  Eat a little bit of everything.  You don’t have to tell her that it tastes good, but you can be diplomatic and thank her for the time and effort she put into welcoming you into their home and making a meal.  Remember the meals that you had to throw down the toilet, while gagging, when you were first married!!!

DON’T: Tell her, “Maybe you should have read the directions on the pasta box”.  Don’t say, “With the family you were born into, don’t you know how to make this dish?”  Don’t be condescending to the fact that she only has 4 place settings and 6 people are eating, 2 off of paper plates.  Think of it as cute, and remember that she invited you over to spend time with them.

DO: Ask her general questions about her hobbies, interests, her ambitions, her parents/family and especially her dreams for the future, AND REMEMBER WHAT SHE TELLS YOU.  Remember her birthday.  Praise her for her career choice, whether you like her choice or not.  If she died her hair purple and got a nose ring (no mine didn’t), praise her for her uniqueness.  There are things about her appearance that you have to accept, even if you don’t agree with it.

DON’T: Ask her personal questions like “how much money do you make a year?”; “is your father still dating that witch?”; “Has your uncle put the bottle down yet?”; “when are you and DS getting married so you can start planning now on losing weight before the wedding?” (WTF?).  These kinds of questions don’t go over too well.  My best friend’s DIL can attest to this.

DO: Make the best of the situation.  Even if there is just no chemistry between you and her.  Even if she talks about you to others (or to your face), remember that maybe she is young or she wasn’t brought up in a stable home.  Maybe there is something in her past that has influenced her behavior towards others.  Some people are just like that.  Your DS loves her.  He is an adult, and adults make decisions, even if it is not always the right decision.  If your FDIL always complains about your DS to you, and it offends you, tell her kindly that you don’t think you are the appropriate person to talk to about it because, after all, he is your son.  Even though you may feel rage and want to rip her hair out of her skull because you think she is disrespecting your precious BOY, think before you speak or you could make yourself look and seem like an idiotic shrew, and give her fuel against you.

DON’T: Gossip about her to other people.  It will get back to her, just like her gossip may have gotten back to you.  By holding yourself at a higher standard, you just might show her a few things about being a kind adult.  Why bother lowering yourself?  She may just be afraid of your DS not having enough love for the both of you.  The love he has for her and the love he has for you IS NOT THE SAME.  Just like you love each of your children differently.

DO: Call before you go over to their house, even if you live 2 doors down and you see their car in driveway.  Call at appropriate times, unless it’s an emergency.  After 10:30pm on a Friday night is not an appropriate time to call and ask them if they are planning on coming over for dinner a week from Sunday!  Remember that they are adults.  They have lives, friends, and commitments, just as you should.  Even if your DS IS your entire life, your sole purpose for living, and the sun, the moon and the stars, he has left the nest and is learning to fly on his own.  Swans mate for life, but once they were just cygnets relying on their parents.  Maybe your DS and DIL will be like swans, like my DH and I are.

DON’T: Accept a key for their home, even if you remotely think that you have the right to go into their house to borrow a cup of sugar (and maybe do a little snooping) when THEY ARE NOT HOME.  Don’t criticize their style.  Don’t buy them something that will completely clash with their decor (and YOU know it).  Don’t ask about their finances.  If they choose to share such personal information with you, DO NOT REPEAT it.  If you want to offer financial assistance to them, and you can afford it, NEVER ever have strings attached.  Don’t say things like, “If I give you the 3K for the down payment on your car, you have to buy the green one.”  WTF?  There may be a time when your DS comes to you and discusses some distressing problems in his life concerning his wife.  JUST LISTEN.  Don’t offer advice unless you are ASKED.  Do not OFFER $$ to help him get a lawyer “just in case”.  He may just want to vent to a woman that loves him unconditionally – YOU, HIS MOTHER!

And, finally, something we can remember whether it pertains to our DIL or the world in general:

“Watch your thoughts; they become words.  Watch your words; they become actions.  Watch your actions; they become habit.  Watch your habits; they become character.  Watch your character; it becomes your destiny.”

– Lao Tzu

My beautiful, wonderful MIL is now in the mid to later stages of Alzheimer’s Disease.  Yesterday, she didn’t recognize me, although I am at her house 4 times a week to cook her dinner.  This is the first time it has happened.  Her once beautiful face registered NO recognition for about 10 minutes.  As I was working in the kitchen a little later, she came up behind me and put her arms around my waist.  She asked me when I got there, and told me that I was her “favorite youngest DIL”, and that she loved me.  I told her that I loved her too, and she was my “favorite MIL”.  That exchange has been a joke between us since forever!

She taught me so many life lessons that I hope to pass down to my DILs.  I hate this Alzheimers, and I want my sweet DMIL back.  Since that won’t be happening, I’m going to do my best to care for her, listen to her memories, dry her tears, wipe her tushy and cook her dinner.  I love her so much

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Natale con i tuoi. E Pasqua? e pasquetta?

Feste. Maledette feste. La mia fonte di ansia. Ansia di dover affrontare certe situazioni controvoglia, con la maschera sorridente addosso (che è falsa oltremodo, in quando non è mia abitudine indossare maschere). Sto male un mese prima.

Ecco, la fatidica richiesta è arrivata. Marito: ” andiamo a Pasqua a pranzo da mia madre e a pasquetta dalla tua?”  Non gliene frega una beata fava di passare la pasquetta con mia mamma , è solo la pillola inzuccherata, per farmi accettare il pranzo (salato e unto) con la sua. Risposta “Ovviamente non mi va , ma fammici pensare”.

Ci sono degli antecedenti per questo mio atteggiamento, ovviamente: torti subiti, invadenza invadentissima che mi ha portato a un distacco (misto nausea) , ripulsione nei confronti di cognata che si è comportata da voltafaccia e falsa con me …e sono 8 mesi che non ci frequentiamo e lei non si è mai degnata di fare un passo verso di me, non dico per chiedermi “scusa”, ma quantomeno, per farmi capire che le dispiace. Zero. Zero assoluto. Pero’ poi alle ricorrenze, arrivano gli inviti.

Punto numero uno.

Cara suocera ( e cognata) non devi certo decidere tu quando io  devo vedere mia madre, relegarla alla pasquetta e pretendere tu sempre la festa princpale (falsariga di Natale).

Punto numero due.

Da che Mondo è Mondo, la pasquetta è un giorno Free. Se il meteo permette, si va a fare una gita col piccolo pupo, se il meteo è avverso, si sta a casa, ci si riposa e si passa del tempo col bambino. Mica la pasquetta deve diventare l’ennesimo obbligo.

Punto numero tre.

Ho deciso di dire, si ok, per il bene del bambino, che è giusto che viva le feste e che abbia i suoi ricordi, da grande. Ma ho precisato a marito che vado con questo spirito, stesso spirito con cui faro’ la festina dei due anni  (a breve). Metto il bene del bambino prima di me stessa, ma questo non significa amore e passione con suocera e cognata.Anzi. E’ da una settimana che ho il senso di nausea e vomito perchè odio fare le cose controvoglia.

Punto numero Quattro.

In sede di pranzo dichiarero’ che per me pasquetta è un giorno di relax sacrosanto e che con mia madre festeggero’ la Pasqua dell’anno prossimo. Si alternino le nonne. (a mia madre va bene tutto, lei è pacifica e rispettosa degli spazi altrui, ma non tollero di dare tutte le feste principali a suocera e gli scarti a mia madre, solo perchè è una che non pretende). E cosi’ almeno l’anno prossimo spero di salvarmi dal pranzo forzato con suocera e cognata vipere.

Punto numero Cinque (e ultimo).

Se proprio suocera e cognata fremono per la mia presenza ( e quella del nipotino) per Pasqua, si rispettino i ritmi del bambino evitando stress inutili. Si pranza alle 12.30 e alle 14.00 lo porto a casa a fare il suo consueto riposino. Il bimbo ha 22 mesi ed è abituato a dormire dalle 13.00 alle 15.00. Lo faccio sgarrare di un’ora per la festa, ma poi a nanna. Non voglio averlo isterico fino a sera perchè è stanco per non aver dormito.

Punto e stop.-

C’è chi mi chiama Furer, ma io dissento totalmente. Anzi, si è arrivati a questi estremi per la mia eccessiva bontà e disponibilità negli anni passati, che hanno portato mia suocera e mia cognata a prendersi il lusso di tirare troppo la corda.

 (ho fatto “copia e incolla” dal mio blog “vivere e sopravvivere” per condividere con voi le mie ultime vicissitudini suoceresche)
Pubblicato in Senza categoria | 5 commenti

E poi ancora cosa?

Quando Marito mi ha graziosamente comunicato che lui, dal giorno x al giorno x+5, sarebbe stato a Roma per portare Suocera in gita ho abbozzato: mi sono sentita ferita dal fatto che mi abbia messo di fronte al fatto compiuto, e per di più dimenticando che in quel particolare fine settimana avevamo pensato di fare una scappata al mare, insieme.

Ho cercato di far buon viso a cattivo gioco, dicendo che anche io sarei andata a trovare un’amica in una città vicina, in modo da passare un fine settimana divertente. Tra me e me, però, pensavo che fosse una gran mancanza di riguardo nei miei confronti, e mi dicevo che – essendo Suocera in pensione a partire dalla prossima estate – i guai non facevano che affacciarsi alla nostra finestra.

Oggi, infatti, prima ancora di partire per la settimana corta / week-end lungo a Roma, Marito è arrivato raggiante a dirmi: non ci sarò i giorni y e y+1. “Dove vai?” gli chiesi io, sciocca, immaginandomi una sorpresa di qualche genere e pregustando due giorni di svago con lui. “Vado con mamma a fare il giro del Bernina”.

Sono davvero cattiva, se gli ho chiesto di passare con me almeno le vacanze estive?

Pubblicato in Senza categoria | 7 commenti

Le feste si avvicinano…

Mai come quest’anno ho temuto l’avvicinarsi delle festività: nonostante da mesi io non abbia più parlato a Suocera, lei ha detto a Marito che vorrebbe passare il Natale insieme a noi. Ho risposto a Marito che davo per scontato che lui passasse del tempo con sua madre durante le feste, ma che non immaginavo di esservi coinvolta. Dato che lui ci tiene, ceneremo assieme a Suocera la sera del 25 dicembre; del resto sono in una situazione imbarazzante: se rifiuto, sono la cattivona che non vuole fare un gesto di pace nemmeno a Natale; se accetto, sono l’ipocrita che dopo mesi di silenzio le fa gli auguri per le feste. Insomma, fai quello che vuoi, tanto in ogni caso sbagli.

Pubblicato in Senza categoria | 7 commenti

Bastaaaaaa!!!!!

Secondo post in 10 giorni=pazienza agli sgoccioli. E mancano ancora due mesi a Natale.
Ricordate due anni fa’ quando morì mio nonno e l’infame di mia suocera approfittò per ‘invitarci’ a pranzo da lei nell’anno dei miei genitori? Ecco, l’anno scorso nonostante un mese e mezzo di stressamento siamo stati a pranzo a casa nostra, quindi la mia augusta suocera che ha pensato bene di fare? Quest’anno ha iniziato a stressare sul pranzo di Natale con ulteriori 15 giorni di anticipo.
Sabato scorso sono capitata (con mia grande gioia) a casa sua e in miseri 15 minuti è riuscita a farmi pentire di esserci andata.

Le allettanti argomentazioni sono state:
-C’è la XXXXX (sua cognata, o meglio, sua gemella persa in culla, impicciona, pettegola e castrante come lei) che vuole tanto salutarti, che non vi vedete mai, che mi chiede sempre di te…(e certo, può farsi un piattino di cavoli miei solo una volta l’anno, te credo che non vede l’ora) ‘E dille che venga qualche volta a casa mia, no?’ ‘Eeeeeh ma non può, ha sua mamma che non può essere lasciata sola’ ‘E pazienza, io la disponibilità gliel’ho data, se lei non può io non so che farci.’ ‘Ma lei vuole tanto vederti’ ‘E se veniamo dopo pranzo come l’anno scorso ci vediamo no? Quindi che problema c’è?’
-C’è anche cognatina mia adorata (sua madre sta male e sono 4 mesi che sta a Parma dai suoi) ‘Sì, ma so che dopo Natale non riparte subito, rimane qua qualche mese, se la voglio vedere ce n’è di tempo’
-Se vieni faccio cucinare te.
Il farmi cucinare, cosa che peraltro a me appassiona, avere l’onore di utilizzare la sua preziosissima cucina…non ci dormo la notte. Cucino io con mia cognata, così lei può stare con la sua bambina…perchè alla fine questo è lo scopo ultimo, avere la nipote nelle sue grinfie quando siamo circondati da parentame che ad ogni cavolata che combina si leva in coro ‘Ma lei è fatta così’.
Ora, anche se a insindacabile giudizio di suocera l’episodio dovrebbe già essere archiviato, io ricordo benissimo cosa è successo al compleanno di mia figlia, che è stata l’ultima occasione in cui ho cucinato per lei. Le avevo fatto un menù ad hoc (mia suocera non mangia il pesce tranne cozze, vongole e alici, alcune verdure, alcuni affettati, tutto quello che è cremoso tipo panna, maionese, patè e salse varie), quando le è stato messo davanti il piatto con la pasta alle verdure e cozze  ha iniziato a lamentarsi che era una roba strana, che il pesce con le verdure non si mette…un sacco di menate finchè la sua amica (nonchè madre del miglior amico del mio compagno e nonostante frequenti suocera, è una cara signora con cui sono sempre andata d’accordo) non le ha spiegato che i sughi di pesce e verdure sono comunissimi e che spesso li fa anche lei, zucchine e gamberi, asparagi e salmone, e così via. Non ancora convinta manda il mio compagno a chiedermi cosa fossero quei pezzetti bianchi nel sugo. ‘Amò, è veleno….magari….di’ a tua madre di stare tranquilla, sono dadini di zucchine.’ Il tutto mentre la cara signora li stava letteralmente vivisezionando e incurante del fatto che la sentissi diceva che quelli erano calamari, che glieli avevo messi nel piatto per dispetto. Alla fine l’ha mangiato, ma solo dopo averlo fatto assaggiare a mio suocero ed aver avuto da lui la conferma che erano solo della banali ed innocue zucchine.
Beh, immaginate quindi che gioia ci sarebbe a spignattare delle ore per poi veder schifare il risultato di tanto lavoro.
Si mangiasse il suo piatto di ravioli affogati nell’acqua (anche scolarli bene è troppo daffare per lei) e il fritto portato dai parenti cotto la sera prima, come tutti gli anni. Io mi accontento del caffè e dello spumante come l’anno scorso.
Scusate l’ennesimo post kilometrico, ma sono veramente piena…ma piena.

Pubblicato in Senza categoria | 10 commenti

Suocera torna alla carica

Mia suocera è ossessionata dal tenere la famiglia unita e non si da pace, nemmeno dopo 6 anni, del fatto che il suo piccolino (di 42 anni) abbia abbandonato (più che volentieri, ma lei questo lo ignora) la casa materna. Mio cognato e la sua compagna abitano con loro, perchè non possiamo andarci ad abitare anche noi? Evidentemente mia suocera ha un concetto molto ampio di quella casa. Anche volendo valutare con le migliori intenzioni la situazione, le stanze della casa quelle sono e tre famiglie non ci stanno proprio, ma anche se ci stessero, figurati se io vado ad abitare con una persona che ti sta continuamente attaccata alle costole, vuole sempre parlare per avere qualcosa da riferire alle varie parenti ed amiche e critica in continuazione quello che fai, come lo fai, quando lo fai…
Ieri è venuta a casa mia per stare un po’ con la nipotina, diceva.
Mio suocero sì, giocava con mia figlia. Lei è stata tutto il tempo ad ammorbarmi con discorsi campati in aria per convincermi a trasferirsi a casa loro.
Queste le argomentazioni nel corso dei secoli:
-mi scoccia che spendete soldi per l’affitto
-non voglio che spendete soldi per comprarvi casa
-non voglio stare lontana dalla mia bambina
-non voglio stare lontana da mio figlio (e lui da te, te lo sei chiesto?)
-io me ne vado e ti lascio la casa libera, così non starò lì a romperti le palle (parole testuali della Contessa di Oxford)
poi si scoprirà che ‘andarsene’ significa farsi costruire una casetta per lei e suocero in un terreno a 50mt dalla casa incriminata.
-sareste più comodi per andare a lavoro, a fare la spesa, al mare…
-se volete fare dei lavoro pago tutto io (certo, certo…sto ancora aspettando i soldi della camera da letto che diceva di voler pagare lei)
-la casetta che ci costruiremmo la intesto alla bambina, sempre se ce la fanno costruire
-vi faccio portare i limoni dalla mia amica (i limoni si vede che sono riservati ai residenti in zona)
-c’è il giardino così ti puoi prendere il cane (mai detto di voler prendere un cane)

Questa scena si ripete periodicamente ogni tot mesi, e io non ce la faccio veramente più. Come i bambini dell’asilo prima chiede le cose al figlio e quando lui dice no viene da me, le dico di no anche io e lei ribatte (mentendo) che il figlio le ha detto di sì…ma dico, se proprio devi raccontare balle, almeno inventatene qualcuna credibile, tanto lo sai che poi glielo chiedo.
Il brutto è che sulla base di promesse che poi manterrà se e quando vuole o non manterrà affatto, tenta di ottenere quello che vuole. Finora non le avevo mai rinfacciato nulla, ieri non ce l’ho fatta a reggere la rabbia che ad ogni frase mi montava dentro, per tutte le cose promesse da lei e mai avute, per tutte le volte che non ha sistemato degli elementi della casa potenzialmente pericolosi per la bambina perchè ‘c’è da spendere’ (tipo dei calcinacci e detriti di alcuni lavori fatti da mio cognato e accatastati in giardino, giardino dove poi giocava mia figlia), la camera di cui ha pagato solo la metà di suo figlio inventandosi la scusa che qualcuno (chi? non l’ha mai voluto dire) le aveva detto che io avevo detto che la mia parte di camera la pagavano i miei genitori, stessa cosa per il pranzo del battesimo di mia figlia quando io volevo fare una bella festa con rinfresco in giardino e lei ha ridotto al minimo il numero dei partecipanti, altrimenti si spende troppo (e poi c’è -ORRORE- da togliere tutte le ragnatele dagli angoli e spazzare almeno il pavimento), salvo poi tentare di inserire nella lista degli invitati tutte le sue amiche e rispettive famiglie quando si decise di andare al ristorante.
Risposta: eh, ma te non puoi sempre tenerti tutto legato al dito, alle cose bisogna anche saperci passare sopra.
Sì, a quelle che combina lei, solo a quelle però.
Caro, buon, vecchio Zeus, con tutti i fulmini che si perdono in mare, uno su mia suocera che ti costa?

Pubblicato in Senza categoria | 11 commenti